BATTAGLIA DI FORMATI

dual format bd hddvd banner

Pubblicato su HC Home Cinema 2005

HD-DVD E BLU-RAY DISC

2000px-Blu-ray_Disc.svg      HD DVD poster

Nel corso degli ultimi mesi sono state numerose le voci di corridoio legate a un possibile accordo tra il colosso Toshiba, co-fondatore e sostenitore della piattaforma HD-DVD, e Sony, portabandiera del Blu-ray Disc. Al momento tutto tace ma non è da escludere che i colloqui stiano proseguendo nell’intento di mettere d’accordo le parti. bluray

L’HD-DVD avrebbe dovuto essere una realtà negli Stati Uniti per fine anno almeno quanto lo è il Blu-Ray di Sony da alcuni mesi col primo modello di videoregistratore commercializzato in Giappone. L’ipotesi della disponibilità di svariati titoli HD-DVD a scaffale per Natale 2005 non ha trovato conferme nell’annuncio da parte di Toshiba dello slittamento sulla tabella di marcia e un più probabilistico lancio nei mesi di febbraio/marzo 2006, invariata invece la distribuzione prevista entro fine anno in Giappone. A credere che titoli HD-DVD sarebbero stati in vendita per la fine dell’anno in America erano rimasti Warner Bros e NBC/Universal purché fosse stata rispettata la tempistica sulla consegna dei primi lettori a scaffale. Dal canto suo Warner aveva espresso parere favorevole a un eventuale slittamento nella preparazione dei prodotti se questo avesse potuto in qualche modo favorire la negoziazione tra le parti in causa. Anche Paramount auspicava i primi titoli del proprio catalogo per fine 2005 ma già lo scorso agosto dava per certo il delay-time, notizia ben più importante è che la major ha deciso che il catalogo titoli sarà sia su HD-DVD che Blu-ray.

max1182618706-frontback-coverL’hardware per visionare immagini HD tra videoproiettori, monitor al plasma ed LCD è in commercio da anni e gli appassionati di tutto il mondo sono in attesa di comunicazioni ufficiali da parte delle aziende interessate per sapere quale destino li attende. In Italia le cose vanno estremamente a rilento, si sta ancora puntando tutto sull’MPEG-2 quando il resto dell’Europa e del mondo va verso l’MPEG-4, DVBT compreso. I mondiali di calcio saranno trasmessi in alta definzione MPEG-4 e anche il canale satellite HD1 abbandonerà presto l’MPEG-2.

Si pensava che il primo scontro al vertice tra le due tecnologie sarebbe avvenuto attraverso le avveniristiche console per videogiochi da parte di Microsoft, unitasi nel frattempo alla cordata HD-DVD, e Sony con la Playstation 3. Il lancio dell’Xbox360 è previsto per i primi di dicembre in tutto il mondo e a una recente presentazione stampa si è potuto verificare che il driver montato sulla macchina altro non sarà se non un’unità DVD-ROM. La macchina potrà leggere i DVD MPEG-2 offrendo un’uscita Component a scan progressivo, ma nulla più.

Assieme a Microsoft anche Intel ha deciso di appoggiare Toshiba. Il tentennamento del colosso di Bill Gates lasciava anzi presagire che il DL_HDDVDcodec VC-1 per Windows Media Video HD avrebbe trovato posto su entrambe le piattaforme. In questo senso una spinta all’HD-DVD potrebbe giungere con i Media Center e gli HTPC che hanno preso posto nel salotto di casa. Dal canto suo Toshiba parla della commercializzazione di un PC con lettore (non masterizzatore) HD-DVD per il 2006 grazie all’accordo con la coreana Samsung Electronics mentre è certo che la console Sony monterà il driver Blu-ray. Playstation 3 verrà commercializzata (almeno) in Giappone nella primavera 2006 mentre da noi non è prevista prima della fine dell’anno prossimo.

L’inizio dello scontro sul piano tecnico/commerciale proseguito poi nei laboratori di ricerca dei rispettivi consorzi risale a tre anni fa, non si è (ancora) trovato il modo di sciogliere il nodo delle incompatibilità tra i due formati sviluppati su dischi delle stesse dimensioni di un comune CD o DVD. Blu-ray ha dimostrato da subito una eccellente capacità di stoccaggio dati pari a 50 Gb mentre HD-DVD originariamente non era in grado di superare i 30 Gb. Gli studi successivi hanno portato all’applicazione di tecnologie triplo strato consentendo ad HD-DVD di salire sino a 45 Gb.

Più immediata l’industrializzazione di HD-DVD in quanto le catene di fabbricazione non dovranno subire modifiche sostanziali limitando ulteriormente i costi della transizione al contrario di Blu-ray dove rimane ancora tutto da testare ed è molto probabile una bassa competitività per l’iniziale elevato prezzo al dettaglio.

Una questione di protezione

La 20th Century Fox ha deciso per il Blu-ray già a luglio visti i complessi e avanzati criteri di protezione dei dischi. Oltre alla protezione AACS (Advanced Access Content System), prevista anche per HD-DVD, sarà presente uno strato addizionale protettivo in grado di bloccare il tentativo di copia noto come SPDC (Self Protecting Digital Content). Il sistema è conosciuto anche come “BD+”, non accettato dal gruppo HD-DVD. Dopo la dichiarazione di Fox siamo in una situazione di simil parità tra le tre major che hanno seguito l’HD-DVD e altre tre per il Blu-ray a cui si è recentemente aggiunta la minore Lions Gate Entertainment.

Casino Royale bdMa il ritardo dell’esordio dell’HD-DVD potrebbe anche essere legato alle incertezze nutrite sulla tempistica per il Blu-ray, mentre si continua a parlare di esordio per la primavera 2006 in realtà appare più concreta e fattibile la fine del prossimo anno, una situazione che non dovrebbe comunque trascinare nel ritardo la PlayStation 3. Sony dal canto suo non potrà forzare eccessivamente la mano nella produzione per non rischiare di raggiungere un prezzo finale superiore e non competitivo rispetto all’Xbox360. Un anno il prossimo che sarà costellato di incertezze e un immediato ‘vuoto’ economico per le major impossibilitate a riproporre i cataloghi sulle nuove piattaforme.

L’industria è in stand-by, abbandonati piani di produzione per il 2005 con una serie di dubbi non indifferenti per il 2006 legati alle incertezze sulla fattibilità di una piattaforma piuttosto che un’altra. In ultima analisi l’attuale gap tecnologico all’interno del quale l’industria si trova potrebbe rivelarsi terreno fertile per nuove riflessioni su uno standard sempre meno di transizione come il WMV-HD di Microsoft, sul futuro prossimo HVD (Holographic Video Disc) da 3,9 Tera Byte (1 HVD = 800 DVD) o per il cinese EVD (Enhanced Video Disc).

Claudio Pofi

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.