BEN-HUR 2016…E QUATTRO

ben-hur-2016-banner
ben-hur-2016-poster-defi

CINEMA – BEN-HUR 2016

A CAVALLO TRA EUROPA E HOLLYWOOD

Il principe ebreo Judah Ben-Hur (Jach Huston) e il fratello romano adottivo Messala (Toby Kebbell) vivono nella Gerusalemme sotto il giogo di Roma. Due giovani uomini ben-hur-trailer-10legati da un forte legame d’amicizia destinato ben presto a spezzarsi per divario di parentela e posizione sociale e che per il troppo disagio spinge Messala ad allontanarsi da casa per entrare nell’esercito, facendo ben presto carriera. Tornato in città da ufficiale, chiede aiuto a Judah per combattere gli zeloti ma le differenti linee di pensiero sull’instabile situazione sociale e la politica di violenta repressione di Cesare separano definitivamente entrambi quando l’ebreo si incolpa dell’attentato al Prefetto Ponzio Pilato (Pilou Asbæk). Ridotto in schiavitù e privato di qualsiasi privilegio, Judah Ben-Hur è uno dei tanti condannati a remare su una galea da guerra, sopravvivendo agli stenti in attesa di cogliere un’opportunità di fuga per reclamare vendetta.

ben-hur-2016-toby-kebbell-movie-wallpaper-01-1280x720-1024x576Quarto adattamento cinematografico ispirato allo scritto di Lew Wallace del 1880 cui si aggiunge la versione animata direct-to-video del 2003. Sono andato a vedere questo film per un semplice motivo: ero curioso di scoprire quanto fosse giustificabile il flop commerciale ma soprattutto di vedere all’opera il regista kazako Timur Bekmambetov, per cui nutro poca stima artistica dopo la visione di suoi precedenti lavori come “Wanted”, di fronte a un budget da kolossal in una moderna rilettura dello scritto divenuto capolavoro nelle mani di William Wyler nel 1959, non meno interessante la versione muta di Fred Niblo del 1925 (all’epoca costato una fortuna: 4 milioni di dollari con un box office di oltre 10 milioni).

Un confronto subito impari per questa ultima versione, soffocata da discutibili scelte registiche di lavorare troppo spesso con primi0-aouprbk5dhp4lmj_ piani e dettagli facendomi sorgere sempre più forte il dubbio che fosse più per necessità e assenza di scenografie adeguate o adeguabili in post-produzione; in altri momenti ho trovato eccessivo l’uso della camera a spalla con movimenti repentini di macchina da mal di mare come se in cabina di regia ci fosse stato Paul Greengrass. Poco importa, il risultato non da ‘respiro’ al racconto, aprendo solo con rare panoramiche o inquadrature a figura intera, trovando maggiore spazio in due momenti chiave: in minima parte durante la battaglia nel Mar Ionio tra la Terza Flotta romana contro i greci e soprattutto nell’adrenalinica corsa finale delle bighe.

ben-hurCome è possibile che al giorno d’oggi ci sia ancora qualcuno che affidi a un regista come Bekmambetov 200 miliardi del vecchio conio convincendo importanti investitori ad azzardare un remake che già sulla carta pareva impossibile, incapace anche solo di eguagliare i predecessori quanto a epica e coinvolgimento? Mistero della Hollywood in trasferta italiana. 

Tralasciando la modernità dei dialoghi (fatto peraltro riscontrabile in passato in un’opera di ben altra levatura come “L’ultima ben-hur-2016-chariot-race-360-vitentazione di Cristo” di Scorsese), dato il già notevole cast che bisogno c’era di affidare a Morgan Freeman il personaggio dello sceicco Ilderim? Non ho idea di quanto possa essere costato arruolare il grande attore afroamericano ma immagino non abbia partecipato a paga sindacale, una presenza ingombrante che ha messo in ombra il pur bravo Jack Huston e poi andiamo, Freeman con i dreadlocks non si può vedere: sembra uscito da uno sketch televisivo con Whoopi Goldberg!

Ho visionato il film nella versione bidimensionale ma credo che la stereoscopica, sviluppata in post-produzione, avrebbe aiutato a risollevare ulteriormente il racconto nei momenti meno epici, facendomi forse dimenticare gli aspetti più negativi tra cui sottolineo le ridicole riflessioni finali dello sceicco-Freeman qualche battuta prima dei titoli di coda.

Claudio Pofi

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.