IL CASO FREDDY HEINEKEN – IL PIU’ COSTOSO RAPIMENTO DELLA STORIA

il-caso-freddie-heineken-banner
heineken-bd-defi
heineken-dvd-defi

HOME VIDEO – IL CASO FREDDIE HEINEKEN

IL CRIMINE NON PAGA (QUASI) MAI

Al tramonto di un periodo di successo negli affari quattro amici olandesi di lunga data hanno perduto l’impresa, lasciato a casa i dipendenti, impossibilitati a ottenere un 20161007151640050prestito dalla banca per ricominciare. Incapaci di trovare una lecita soluzione al proprio disagio morale ed economico, su idea di Cor van Hout (Jim Sturgess), Willem Holleeder (Sam Worthington), Jan Boellard (Ryan Kwanten), Frans Meijer (Mark van Eeuwen) e Martin Erkamps (Tom Cocquerel) diventano criminali pianificando e mettendo in atto il rapimento del miliardario della birra Freddy Heineken (Anthony Hopkins).

20161007151846249Il rapimento di Freddy Heineken nel 1983 scosse nel profondo l’opinione pubblica dell’epoca specie nei Paesi Bassi, in un periodo di grande inquietudine sociale in cui erano all’ordine del giorno atti di terrorismo da parte di gruppi armati come le Brigate Rosse o la RAF, altrimenti nota come Banda Baader-Meinhof.

Il regista svedese Daniel Alfredson, noto perlopiù per aver diretto il secondo e terzo capitolo cinematografici tratti dalla trilogia 20161007152254730“Millennium” di Stieg Larsson, mette in scena un’opera austera, apprezzabile più per la felice ricostruzione storica dell’epoca che non per l’enfasi del racconto, legato a doppio filo ai veri accadimenti e la sensazione di un grande lavoro per mantenersi il più possibile fedeli alla realtà e al libro scritto dal giornalista investigativo danese Peter R. de Vries che studiò il caso e a cui si deve la cattura di Frans Meijer, che aveva trovato rifugio in Paraguay. Cast in eccesso: Worthington (“Avatar”, “Le paludi della morte”, “Terminator Salvation”) e Hopkins (“Il silenzio degli innocenti”, “Casa Howard”) in parte sprecati.

Opera apprezzabile ma poco esaltante all’interno di vicende dove in fondo non vi è altro se non la consueta morale che il crimine non paga (quasi) nessuno, anche perché parte dell’immensa refurtiva, circa 16 milioni di euro, non venne mai ritrovata.

20161007152044138Da Koch Media l’edizione DVD ma soprattutto Blu-ray con un ottimo risultato d’insieme riproponendo tutta la grana originale e aiutando lo spettatore a entrare maggiormente nelle atmosfere vintage, colori desaturati e neri nella media. Doppia traccia DTS-HD Master Audio 5.1 canali italiano e inglese di ottima resa con qualcosa in più per l’originale quanto a elementi sonori in secondo piano e dai due canali posteriori.

Extra: un interessante dietro le quinte di alcuni ciak osservando il lavoro della produzione per poco meno di 20 minuti, riflessioni di parte di cast e troupe e trailer italiano.

Claudio Pofi

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.