Cinquanta sfumature di niente

Cinquanta sfumature di nero_banner
Fifty-Shades-Darker-2 poster

AL CINEMA – CINQUANTA SFUMATURE DI NERO

Anastasia: “Qual’è l’ultima volta che sei stato a fare la spesa?”
Christian: “La settimana scorsa”
Anastasia: “Ah, si? E cosa hai comprato?”
Christian: “Una compagnia aerea”

Dopo un primo periodo di infatuazione e attrazione fisica Anastasia Steele (Dakota Johnson) straccia il contratto col miliardario Christian Grey (Jamie Dorman), convintaHT-Fifty-Shades-Darker-MEM-170103_31x13_1600 sia impossibile ottenere un più normale ménage di coppia, incapace di vivere una vita di sottomissione alle di lui perversioni. Entrata in qualità di assistente al capo redattore di una importante casa editrice di Seattle la sua esistenza è destinata a incrociarsi nuovamente con quella di Grey quando si convince a riprendere quella che lui non ha più timore a chiamare storia d’amore. I due ritrovano l’intesa ma il torbido passato dell’uomo riaffiorerà minando la futuro di entrambi.

15-fifty-shades-darker-01.w710.h473.2xNonostante il passaggio di regia dall’esordiente Sam Taylor-Johnson a James Foley (regista del clamoroso “Glengarry Glen Ross – Americani”) il risultato tecnico si mantiene eccellente sotto qualsiasi punto di vista, ma questo non basta a salvare dal baratro un filmetto che chiamare soft-core è un insulto all’industria di genere.

Ampiamente basata sull’omonimo romanzo di successo di E.L. James l’opera ha ben poco da offrire: mortalmente insipida dal punto di vista erotico nonostante la notevole prestanza fisica dei protagonisti, noiosa per la romanza cucita loro attorno, priva di fantasia quanto artificiosa.fifty-shades-darker-elevator-1481131638

I puritani hanno materia di scandalo più per ortaggi e attrezzi vari recuperati tra le poltrone delle sale di proiezione nemmeno si fosse trattato del remake di “Gola profonda”. Kim Basinger sprecata in una storia che sfianca per l’elementare incapacità di coinvolgere ma bisogna dare al popolo ciò che il popolo reclama: contro un budget di 40 milioni il primo film superò ampiamente il mezzo miliardo di dollari d’incasso e questo sequel è avviato sulla medesima strada.

Si salva la raffinata colonna sonora, del resto si è dimentichi ancor prima della fine dei titoli di coda.

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.