GOODNIGHT MOMMY – QUANDO LA PERDITA GENERA MOSTRI

goodnight-mommy-banner
goodnight-mommy-dvd-defi
goodnight-mommy-bd-defi

HOME VIDEO – GOODNIGHT MOMMY

STRADE PERDUTE

Elias (Elias Schwarz) e Lukas (Lukas Schwarz) sono due gemelli che vivono all’interno di una splendida villa a ridosso di un lago in Austria. kritik-zum-horrorfilm-ich-seh-ich-sehL’estate è quasi finita e i due bambini non perdono occasione per trascorrere il tempo divertendosi. Nonostante la giovane età sono stati lasciati soli in attesa del ritorno della madre (Susanne Wuest) dall’ospedale che ha subito un intervento di chirurgia plastica al viso a causa di un tragico incidente. Un rientro che è causa di shock per i due giovani i quali stentano a riconoscere la donna, sempre meno convinti che si tratti del genitore prendono a spiarla. Decisi a tutto pur di scoprire dove si trovi la vera madre i gemelli la sequestrano sul suo stesso letto prendendo a torturarla sino a quando non salirà in superficie una dilaniante verità.

isis-pressebild-06-2Opera prima degli austriaci Severin Fiala e Veronika Franz basata su una loro stessa sceneggiatura, disturbante thriller psicologico con venature horror giocato per sottrazione, rarefacendo le atmosfere, i dialoghi, facendo parlare le immagini, i locali vuoti, i suoni sommessi, l’isolamento in una trascinante escalation di elementi grafici che non manca di sorprendere nella rivelazione finale.

Nessun demone, nessun posseduto con le orbite fagocitate nero pece che urla a tradimento o si arrampica per le pareti vomitando bile eppure una visione timthumbemozionante che vive della straordinaria carica espressiva dei due piccoli e talentuosi attori in compagnia della brava e misconosciuta Susanne Wuest in seno a un azzeccato contesto scenografico.

gm-scene3Originale e profondo nella sua apparente semplicità, una storia che mi ha fatto compiere alcuni paralleli con altre opere come “Il sesto senso” di M. Night Shyamalan piuttosto che “The Others” di Alejandro Amenábar ma preferisco non entrare ulteriormente nel dettaglio per non rovinare la sorpresa a coloro che non hanno ancora avuto occasione di vedere un film che mi ha nuovamente dimostrato quanto ci si possa ancora sorprendere lasciandosi coinvolgere di fronte a un’opera con stile, classe e qualcosa da comunicare.

Da Koch Media le edizioni sia DVD che Blu-ray, per l’alta definizione abbiamo un disco di pregevole qualità d’immagine con resa eccellente dsc03377indipendentemente dalle condizioni di luminosità, formato 2.39:1 (codifica AVC/MPEG-4), contrariamente a quanto segnalato sul retro copertina le immagini 1920×1080 non hanno formato progressivo 24 frame al secondo bensì 1920×1080 linee interlacciate a 25 frame per secondo. Una differenza sulla carta non riscontrabile nel corso della visione che rimane solida e con colori saturi, neri convincenti.

Doppia traccia DTS-HD Master Audio 5.1 canali italiano e tedesco sono entrambe eccellenti ma l’originale a tratti ha una marcia in più per maggiore risalto dei rumori d’ambienza.

Per gli extra segnalo un dietro le quinte con riprese durante la lavorazione di circa 9 minuti, 13 minuti in compagnia dei registi che approfondiscono le motivazioni dell’opera e poco meno di 8 minuti di scene tagliate dal montaggio finale oltre a un libretto di approfondimenti a cura di Manlio Gomarasca e Davide Pulici di Nocturno. Sottotitoli in italiano.

Claudio Pofi

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.