HIGH SCHOOL OF THE DEAD

high school of the dead_banner

HOME VIDEO – HIGH SCHOOL OF THE DEAD

UNDERWEAR OF THE DEAD

Highschool of the Dead Complete Box Set BD IT 2000px-HSOTD.svg

Un’immane pandemia colpisce il pianeta, il mondo precipita nel caos. È una serena giornata di primavera anche presso la scuola superiore HighschoolOfTheDeadAnime-5
frequentata dallo schivo Takashi Komuro, tra i primi ad accorgersi di quanto stia accadendo. Un individuo infetto preme sulla cancellata del liceo mordendo e contagiando e in pochi istanti il morbo si diffonde nel perimetro. Takashi non cade nel panico, affronta coraggioso gli zombie e assieme ad alcuni compagni e alla dottoressa dell’infermeria fugge dal complesso. Alla ricerca dei genitori il gruppo sarà costretto ad affrontare orde di morti viventi, tra belve sanguinarie e folli per le strade dove ormai regna sovrana l’anarchia.

201007051216559d8Manga del 2006 scritto da Daisuke Satō e illustrato da Shōji Satō cui è seguita la serie tv nel 2010 dallo studio Madhouse, eletto troppo velocemente capolavoro questo “High School Of The Dead” è un’avventura horror in salsa sexy certo interessante ma che non mi ha fatto gridare al miracolo. Discreta caratterizzazione dei personaggi, interessanti disegni sopra la media seguendo il dramma di un gruppetto di compagni delle superiori alla volta di un mondo sottosopra invaso (ancora) dagli zombie.

Avvezzo al genere horror di qualità, legato a opere del papà dei morti viventi George A. Romero, negli ultimi anni il baricentro della mia attenzione si è spostato dal cinema alla televisione con la straordinaria serie “The Walking Dead” e il notevole spin-off “Fear The Walking Dead” saturandomi la sete di avventure gore.

Romero diede il via alla stagione degli zombie nel lontano 1968 con “La notte dei morti viventi”, da allora il volume di opere prodotte non ha highschool-of-the-dead-hanajifatto che crescere, nei racconti troviamo spiegazioni su come potrebbe aver preso il via l’epidemia ma il finale è (quasi) sempre lo stesso, aperto, senza apparenti vie di scampo o rarissimamente più positivo di altri come per esempio nello splendido “Il giorno degli zombie” del 1985, sempre di Romero.

Come potrebbe concludersi il viaggio di disperati in un mondo totalmente fuori controllo, alla mercé di tagliagole, pazzi furiosi, morti che camminano inutilmente affamati di carne umana? È una domanda che spero si ponga presto il grande Greg Nicotero, tra i maestri assoluti del make-up, produttore e regista di “The Walking Dead” di cui è in fase di realizzazione la settima stagione, è una domanda che non si sono posti i creativi di “High School Of The Dead”, più preoccupati a rileggere il genere in chiave pseudo erotica.

Confesso la mia scarsa attitudine e interesse nei confronti dell’animazione giapponese cosiddetta ‘Ecchi’, ovvero infarcita di elementi sexy ne tanto meno con l’esplicita ‘Hentai’ apertamente pornografica.

Francamente non ho trovato maggiormente interessanti le puntate della serie per le scelte di piazzare in primo piano seni ballonzolanti img_18nemmeno fossero fatti di gelatina, angoli di visione che indugiano su variopinte mutandine e capezzoli, dove le teenager portano tutte la terza e la svanita dottoressa dell’infermeria a dir poco la quinta; ho seguito il racconto e mi sono anche divertito specie quando la regia non focalizzava troppo sulle formosità delle suddette preoccupandosi più della vicenda principale, senza peraltro essere capace di aggiungere al filone zombie davvero qualcosa di nuovo nei 325 minuti dell’opera (12 puntate più OAV finale), troppo ripetitiva. Appunto positivo sull’ottimo doppiaggio diretto da Silvana Fantini e curato da ADC Group.

Da Koch Media è disponibile l’edizione DVD e Blu-ray. Ho visionato l’intera serie in alta definizione e, eccetto alcuni brevissimi istanti in cui si riscontrano inferiori sfumature in secondo piano sul cielo, la qualità d’insieme è notevole, colori sgargianti ed elevata resa degli elementi, fondali e personaggi. Formato immagine 1.78:1 (1920×1080/23.97p), codifica video AVC/MPEG-4, due tracce audio LPCM 2.0 canali italiano e giapponese, entrambe di eccellente resa. Versione completa, senza censure, V.M. 14 anni.

Come extra brevi clip realizzate nel corso del doppiaggio italiano, titoli di coda originali e qr-code per raggiungere i segreti della lavorazione e scoprire per esempio che nell’episodio 5 uno degli zombie uccisi ha il volto dell’attore coreano Bae Yong-joon, scelta che ha scatenato un fiume di polemiche. Incluso nel cofanetto con i due Blu-ray (doppio strato) un libretto di approfondimenti sui personaggi.

Claudio Pofi 

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.