MORTAL KOMBAT X

mortal kombat x banner

Mortal Kombat X

di CineMan , pubblicato il 29 Maggio 2015 nel canale GAMING

“Sanguinoso picchiaduro versatile e adrenalinico, ultimo tassello di un franchise senza tempo. Distribuzione Warner Bros Interactive”

Introduzione

Franchise tra i più amati “Mortal Kombat X” è arrivato sul mercato in un momento di relativa tranquillità per il genere picchiaduro in attesa della pubblicazione di altri prodotti di punta legati a serie altrettanto osannate come Tekken e Street Fighter.

Nato nel 1992 fu la risposta vincente a “Street Fighter” (II) creando un seguito in tutto il mondo con due opere cinematografiche di cui la prima del 1995 fece furore ai botteghini certo più della controparte Capcom dell’anno prima con Jean-Claude Van Damme e Raul Julia (peraltro ultimo film del grande attore portoricano).

– click per ingrandire – click con pulsante dx e “apri in altra finestra” per l’immagine full HD –

Da Midway le licenze sono poi passate a Warner Bros ma cosa ben più importante mantenendo alcuni degli sviluppatori più importanti all’interno dei NetherRealm Studios, gli stessi che hanno dato vita proprio a “Mortal Kombat” 2011. Rimasterizzazioni e riproposte a parte questo “Mortal Kombat X” è di fatto un game che potrebbe essere preso a esempio per capire la qualità raggiungibile dall’ultima versione di beat ‘em up su console di ultima generazione come la PS4, su cui l’abbiamo testato, ma la sensazione passandovi assieme del tempo è che non si sia fatto il possibile per esprimere tutte le potenzialità di elaborazione grafica così come il comparto audio non ha fatto gridare al miracolo.

– click per ingrandire – click con pulsante dx e “apri in altra finestra” per l’immagine full HD –

Personaggi e Store online

Ad apertura del game viene chiesto a quale fazione si intende appartenere (Lin Kuei, White Lotus, Brotherhood of Shadow, Black Dragon, Special Forces), dal momento che quando si esce vincitori da un combattimento si può sempre destinare i punti, Faction Kills, alla propria fazione per primeggiare sulle altre a livello worldwide.

Ricordando che occorre sempre decidere lo stile di combattimento tra i tre possibili offerti per ogni personaggio, diverse mosse e attacchi speciali con relative varianti, si può sempre arricchire il carnet di personaggi recandosi nello store per acquistarne di nuovi tra cui il divertente Jason Voorhees, iconico serial killer della saga di “Venerdì 13” (in questo caso l’esborso è pari a 4,99€, lo stesso per Goro).

Sempre collegati allo store si può decidere di entrare in possesso di nuove skin per alcuni personaggi (3,99€) oppure raccogliere subito tutti gli elementi della Krypta per avere subito disponibili tutti gli optional ma al costo di 19,99€, acquistare pack da 5 facili fatality (0,99€) oppure da 30 facili fatality (4,99€). Con l’aggiunta del personaggio di Goro (solo per i gamer che hanno prenotato il gioco per tempo) in totale i guerrieri nelle arene sono 26 (29 con altri tre che si aggiungeranno tra cui il leggendario Predator), con eccellente grado di potenzialità e gioco a patto di conoscere a menadito mosse di attacco e difesa.

Gameplay

Modalità storia

Poco meno di 36 Gb di spazio occupato, un grado di immersione che comunque non manca di sorprendere per versatilità dal momento che oltre ai combattimenti singoli è disponibile una modalità storia in cui seguire i combattenti del pianeta Terra all’interno di un’avventura che li vede continuamente a confronto con guerrieri di altri mondi. Trama piuttosto lineare dove non si può scegliere la fazione per cui combattere, senza alternative all’interno del racconto, per alcune buone ore di intrattenimento a tutta adrenalina.

Inoltre nel caso in cui non si riesca facilmente a vincere sull’avversario si può proseguire il racconto bypassando lo scontro. Il doppiaggio mantiene un certo livello qualitativo con voci interessanti e alcuni (in)evitabili lip sync legati alla traduzione dei dialoghi in italiano.

– click per ingrandire – click con pulsante dx e “apri in altra finestra” per l’immagine full HD –

Gameplay

Presenti come sempre i canonici scontri a due tempi più un eventuale terzo in caso di spareggio. Un’apposita barra divisa in tre parti che si carica nel corso del match, nella parte bassa dello schermo, dona al nostro personaggio potenzialità una tantum sfruttabili in parte o in toto per aumentare i danni all’avversario. Quando la condizione è barra completa si può optare per un distruttivo attacco a raggi X (già visto nel game del 2011) che consuma molto più rapidamente l’energia nemica.

Possibile interazione parziale con quanto si trova attorno al personaggio, quando si attiva il relativo segnale nella parte alta dello schermo, elementi scenografici che danno vantaggio negli assalti o fughe oppure per attaccare con armi (davvero) non convenzionali. Rimanendo in tema energia c’è anche la barra stamina che quando è carica consente di respingere attacchi anche devastanti facendo ovviamente attenzione a gestirla con parsimonia dal momento che è anche indicatore di possibilità di corsa e quindi per allontanarsi o avvicinare più rapidamente il nemico e colpirlo di nuovo.

Quando l’energia avversaria sta per terminare si hanno a disposizione mosse di chiusura del combattimento, le “Brutality”, cui seguono le “Fatality”, ovvero i colpi di grazia per finire l’avversario, diverse per combattente si generano tramite combinazione di tasti non sempre di immediato richiamo, a meno di non specializzarsi come è buon uso in particolare all’inizio per i neofiti con uno o due personaggi in modo da districarsi anche nelle peggiori situazioni. Sempre disponibile apposita sezione di allenamento per imparare a memoria tutte le mosse.

– click per ingrandire – click con pulsante dx e “apri in altra finestra” per l’immagine full HD –

Gli scontri singoli offrono buone opportunità di riuscita con ben quattro livelli di difficoltà (molto facile, facile, difficile, molto difficile) e prepararsi al meglio specie se si è intenzionati a misurarsi nelle arene online. Interessante per la sezione singolo giocatore le variazioni sul tema offerte dalla modalità “Prova la tua fortuna” dove prima dello scontro vengono assegnate imprevedibili variabili che alzano il livello dello scontro per esempio all’interno di ambienti ostili dove entrambi i lottatori devono anche preoccuparsi di ciò che li circonda piuttosto che aumento o diminuzione della velocità nell’attacco.

C’è poi la modalità “Torri” per scontrarsi con team avversari i cui componenti possono però variare nel tempo aumentando il grado di complessità e raggiungere così un elevato ranking pronto per essere battuto da altri. Inutile sottolineare gli aspetti particolarmente gore con sangue a fiumi, teste e arti mozzati che rendono il game adatto a un pubblico maturo. Si può impugnare il pad anche senza sapere nulla dei comandi e divertirsi, quantomeno in modalità ‘molto facile’, per prendere gradualmente dimestichezza con ambienti, reattività del personaggio e dell’avversario.

Online

Ampia la sezione online dove non abbiamo riscontrato particolari problemi di lag accedendo a scontri singoli con le medesime varianti dell’offline, immancabili gli scontri a squadre in cui bisogna primeggiare rispetto ad altri team. Su tutti segnaliamo la modalità “Re della collina” in cui occorre uscire costantemente vincitori per mantenere la propria posizione di primato che diventa ancora più ardita nella variante “Sopravvissuto” dove la barra di energia non si rigenera mai. Con i gettoni accumulati ci sono ampie disponibilità di optional e arricchimento (Krypta) tra costumi, mosse speciali (fatality e brutality), disegni, musiche e numeroso materiale che impreziosisce il game nel tempo.

Novità che aggiunge un giusto pizzico d’ironia l’introduzione delle “Quitality”, ovvero l’indegno fallimento nello scontro da parte del combattente se il gamer interrompe prima del tempo lo scontro.

Audio e video

Varietà di scenari e una piacevole grafica a 1080p con fondali ben realizzati ed elementi che contribuiscono a un mondo certo variopinto e multicolore ma dove al tempo stesso si sente la necessità di ulteriore dettaglio particolari specie in primo piano e comunque anche nelle cut-scene.

Difficile riscontrare aliasing e imperfezioni di qualsivoglia natura per un risultato tecnico anche in presenza di videoproiettori full HD grazie all’offerta perlopiù 1080/60fps che non è però costante ed è legata al momento, nelle cut-scene per esempio si scende a 30fps mantenendo comunque un dettaglio anche in secondo piano più efficace e contrastato rispetto alla controparte Xbox One. Non siamo a livelli di perfezione da urlo ma questo è un bell’accontentarsi, con ampia palette cromatica e neri convincenti.

Discorso diverso per il comparto audio dove si possono si impostare tre diversi livelli di fruizione (altoparlanti TV, impianto stereo/soundbar, multicanale) ma una volta che la PS4 è collegata via HDMI al sintoampli si usufruisce di 3.1 canali discreti, vale a dire centrale/anteriore destro + sinistro/subwoofer. Buono il risalto dei dialoghi dal centrale, musiche ed elementi sonori di accompagnamento non mancano di intrattenere con profondità del canale LFE.

Purtroppo anche se il display segnala 5.1 canali LPCM dal fronte posteriore non proviene alcun suono, che si tratti di combattimenti o cut-scene, limitazione che immaginiamo non farà piacere a chi ama circondarsi di effetti ed elementi discreti che in un picchiaduro portano l’adrenalina alle stelle.

– click per ingrandire – click con pulsante dx e “apri in altra finestra” per l’immagine full HD –

Game: Picchiaduro 3D in terza persona

Piattaforme: PS4, XBOX ONE, PS3, XBOX 360, PC

Sviluppatore: NetherRealm Studios

La pagella secondo CineMan

Modalità storia  8 
Singolo giocatore  8 
Modalità online  8 
Video  7,5 
Audio  7,5 
0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.