THE CREW – WILD RUN EDITION

the crew wild run edition banner

CORRERE LIBERI E SELVAGGI

The Crew_Wild Run_packshot Street race, folli corse clandestine per le strade degli Stati Uniti, questo è fondamentalmente “The Crew”, lanciato oltre un anno fa dal colossoThe Crew_Wild Run_8 francese Ubisoft col quale è entrato nel mondo del racing game. Lo stile è arcade il che significa che se il vostro bolide finisce fuori strada e impatta contro un qualsiasi ostacolo ben difficilmente resterete in panne e potrete riprendere subito la corsa con visibili danni in più ma senza avere compromesso la ciclistica. The Crew_Wild Run_1Impersonate un pilota appassionato di sfide non autorizzate (dalla legge) e una volta preso possesso di un gigantesco fuoristrada siete invitati a raggiungere un check point evitando di finire catturati da un discreto numero di auto della polizia. Effettuato il cambio con una quattro ruote di tutt’altra potenza e levatura dovrete altrettanto egregiamente arrivare primi in una corsa notturna per un circuito urbano in cui sfiderete tre bolidi. Nel passo immediatamente successivo sarete al fianco di vostro fratello, assassinato davanti ai vostri occhi da un misterioso pilota d’auto che si dileguerà nel buio, ritrovandovi incastrati da un agente FBI venduto e finendo così in carcere. La permanenza nelle patrie galere è relativamente breve perché riceverete un’offerta che non potrete rifiutare: tornare in libertà con un discreto gruzzolo per acquistare e modificare una quattro ruote al fine di incastrare il poliziotto corrotto, risalire la catena di comando dell’organizzazione criminale colpendo il mandante dell’omicidio di vostro fratello. Unica via portare a termine una serie di sfide sempre più incredibili e pericolose. Recentemente Ubisoft ha commercializzato una nuova versione del game intitolata “The Crew Wild Run Edition”, non un sequel ma una rilettura potenziata dello stesso, con sostanziali miglioramenti per il comparto grafico a partire dalle condizioni di meteo dinamico e un contesto The Crew_Wild Run_2scenografico maggiormente suggestivo e realistico. “The Crew” ha un’impostazione ‘open world’ in cui si è liberi di esplorare in lungo e in largo gli oltre cinquemila chilometri quadrati di mappa da costa a costa e, anche se la modalità storia è rimasta invariata, il gusto di mettersi al volante ne ha beneficiato in termini di immersività.  Il test è stato condotto su XBOX One, che come gli appassionati ben sanno ha da sempre una prima riserva legata alla tempistica di installazione. La console si comporta più come un PC camuffato da console e io non riesco proprio a farci l’abitudine che non sia più possibile iniziare il gioco dopo una manciata di minuti. Certo non ho mica inserito una cartuccia in un Nintendo 64 (bei tempi) ma, specie se non si tratta di un aggiornamento ma di un’installazione da zero, ritrovarsi con tempi di attesa anche di un’ora cui magari si accoda una manciata di Giga byte di file update è un piatto davvero poco digeribile. Una volta raggiunta l’agognata home page, dopo avere driftato configurazione di utenti e password (se avete scelto un avatar ad hoc i tempi si allungano) si è pronti a partire con la modalità storia oppure si può prendere dimestichezza con le condizioni di guida arcade scorrazzando per le strade. The Crew_Wild Run_3 La visuale in terza persona mi crea personalmente dei problemi, con la guida impostata in automatico ho più la sensazione di essere al comando di un entrobordo su acqua e quando si esce fuori pista riprendere è complicato. La visuale dall’interno della cabina di guida è troppo limitante e non consente di entrare in particolare empatia con il percorso per cui la (mia) unica soluzione è la visuale in soggettiva dell’auto: solo così mi sento maggiormente ‘padrone’ della strada, posso riuscire a posizionare il veicolo predisponendolo a sbandate controllate evitando di entrare rovinosamente in collisione con la ricca ambientazione. All’interno di un’accurata mappa degli Stati Uniti si impostano le coordinate della località da raggiungere e un pratico navigatore traccerà la rotta più consona con una soluzione visiva niente male: non si sarà costretti a distogliere lo sguardo dalla strada per osservare la direzione grazie alla presenza di un binario immaginario che corre in cielo evitando così pericolose distrazioni. Anche se non è certo da professionisti delegare all’IA del sistema il cambio marce ho trovato particolarmente sensibile il controllo di The Crew_Wild Run_4accelerazione e frenata, consentendomi di superare più o meno agilmente gli ostacoli. Non ho idea del preciso frame rate di questo game ma non ho percepito alcuna perplessità nel comparto grafico o rallentamenti di sorta lasciandomi la sensazione di ‘viaggiare’ attorno ai 60 fps, con una risoluzione HD a 1080 linee progressive che non teme schermi di grandi dimensioni e la potenzialità di ‘risucchiare’ il giocatore nel game con potenti scariche di adrenalina direttamente proporzionali alle dimensioni dell’immagine, ancor meglio se da videoproiettore. Un appunto per la sezione audio: se avete la fortuna di possedere un impianto multicanale non esitate a diffondere il segnale attraverso tutti i diffusori per una maggiore sensazione di realismo. Quello che non ho particolarmente gradito (sarà l’età che avanza) è l’assillante accompagnamento musicale stile hard rock ma per fortuna si può intervenire abbassandone la presenza se non addirittura eliminandolo dal contesto. Ottimi i dialoghi in italiano con sottotitoli.  The Crew_Wild Run_6Tante possibilità di tuning anche estremo dei mezzi a disposizione, dal colore dell’auto, accessori ma soprattutto potenziamenti a motore e ciclistica per maggiore velocità, tenuta di strada, resistenza agli urti. Non necessariamente il bolide con più cavalli si rivela essere quello vincente, non conta solo la potenza ma il controllo e la possibilità di esprimersi al meglio in curva derapando. Questa nuova versione di “The Crew” (DLC acquistabile anche separatamente se già si possiede il game originale) è oltremodo arricchita di nuovi veicoli tra cui moto, dragster o monster truck per cui occorre prendere ulteriore dimestichezza ai comandi all’interno di particolari competizioni. Presente un nuovo editor corse in cui sarete voi a decidere dove posizionare i dieci punti di controllo all’interno del percorso. Rimanendo in ambito novità c’è poi ‘The Summit’, gare che non mancheranno di richiamare alla memoria le Race Wars di Fast & Furious in The Crew_Wild Run_9_Summitcui tagliare per primi il traguardo non sarà affatto uno scherzo. Se non siete solitari road warrior e amate le community qui troverete le sfide più incredibili con competizioni mensili in cui misurarvi con tanti altri piloti in rete, eventi della durata di tre giorni, turni di qualificazione e una classifica dalla quale salteranno fuori i migliori concorrendo alla conquista del primato assoluto per vincere un mezzo esclusivo. The Crew_Wild Run_7 Nell’infernale corsa contro altri o contro il tempo per raggiungere in testa l’agognata destinazione le probabilità di riuscita immediata non sono poi così elevate e potrebbero essere necessari più tentativi per trovare il giusto feeling e uscirne vincenti, superando ostacoli in movimento per non parlare delle imprevedibili condizioni atmosferiche. “The Crew Wild Run Edition” potrebbe rivelarsi un racing game divertente e ricco di sorprese anche per chi non mastica particolarmente il genere ma comunque desideroso di provare almeno una volta l’ebrezza di controllare veicoli di varia potenza e dimensione all’interno di un contesto più intelligente di quello creato da titoli blasonati come “Need for speed”. Davvero difficile ritrovarsi annoiati dopo avere bruciato i primi chilometri di pista grazie alle potenzialità espresse da un gioco ben congegnato e con un’interessante trama in stile movie vengeance.

Claudio Pofi

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.